Scicom

SCICOM (European Network of Science Centers in communicating energy-related topics) è un progetto realizzato grazie al VII Programma Quadro della Commissione Europea e ha lo scopo di diffondere la scienza al pubblico attraverso un network di musei dei bambini, science centre, musei scientifici ed esperti di Energie Rinnovabili.

I partner del progetto SCICOM sono Science Center Wels – Austria, Kindercity Zurich – Svizzera, Energiakeskus Tallinn – Estonia, Palais de la Découverte – Francia, Satrosphere Science Centre Regno Unito, Universum Bremen – Germania, Kraftwerk Living Technologies – Austria, RTD Services – Austria.

Gli obiettivi specifici del progetto sono:

  • incrementare le iniziative nazionali ed Europee per comunicare la scienza e la ricerca attraverso l’identificazione e la promozione di esempi positivi di numerosi Science Centre e musei in Europa;
  • costituire un network di esperti che affronti il tema dell’energia favorendo la cooperazione tra le Istituzioni per l’organizzazione di mostre, allestimenti ed eventi scientifici, definendo un accordo di politica comune tra gli operatori europei;
  • organizzare workshop realizzando lo scambio e la diffusione di buone pratiche nel campo della comunicazione scientifica e della ricerca di energie rinnovabili definite dal network;
  • incrementare la partecipazione delle organizzazioni sociali, dei politici e altri attori decisionali alle azioni di comunicazione ed educazione (soprattutto del tema energia) attraverso la definizione di raccomandazioni e linee guide per organizzare mostre e altri eventi culturali;
  • favorire nella comunità, e soprattutto tra i giovani, la creazione di una consapevolezza su temi quali il risparmio eergetico, l’efficienza energetica e le energie rinnovabili.

Il fulcro delle attività è la progettazione coordinata della mostra interattiva e itinerante sul tema delle Energie Rinnovabili Energy Island – Alla scoperta delle Energie Rinnovabili
La prima tappa europea di questa mostra itinerante è stata Explora che ha ospitato la mostra dal 12 novembre 2009 sino al 14 febbraio 2010, per proseguire verso le altre città europee: Aberdeen,  Tallin, Brema, Parigi, Zurigo e Wels.

Uno degli obiettivi principali del progetto è avvicinare bambini, alunni, famiglie e scuole al tema Energia, attraverso la visita alla mostra. Il percorso passa in rassegna le fonti rinnovabili più apprezzate, le analizza e fornisce dati tecnici per illustrare esempi esistenti, oltre che mostrare tecnologie d’avanguardia per progetti futuri. Nel mondo attuale, in costante evoluzione, le energie rinnovabili sono diventate quanto mai importanti. Quanto siamo informati al riguardo?
 Le moderne tecnologie multimediali che affiancano gli exhibit interattivi presenti nella mostra consentono di osservare e conoscere ognuna delle fonti rinnovabili, derivanti dal sole, dal vento, dalle profondità della crosta terrestre, dalla biomassa e dall’acqua, fornendone alcuni esempi di applicazione e illustrandone vantaggi e svantaggi.
 Dopo aver scoperto, sperimentato e raccolto informazioni su ogni tipologia di energia rinnovabile, i visitatori mettono in pratica le conoscenze acquisite con un gioco attorno all’Energy Island. Energy Island è un’isola – un microcosmo – per la quale i partecipanti all’attività devono trovare il giusto equilibrio, per farla funzionare senza sprechi o possibili black out energetici: un buon mix delle diverse rinnovabili disponibili sull’isola –  acqua, vento, sole, geotermia e biomassa – che consente di farla funzionare autonomamente, in base alle caratteristiche ambientali, climatiche e geografiche.

Durata del progetto: 01/04/2008 – 31/03/2011

Informazioni sul progetto
www.rtd-services.com/scicom/index-1.html